Maremma maiala!

Bayonetta 2 ovviamente!

Il gioco si cui Nintendo punta per riavvicinare alla propria console tutti gli “ardcor gheimer”!

Non voglio fare una recensione del titolo, visto che l’ho appena acquistato e devo ancora giocarci a fondo. Vorrei però analizzare il potenziale del gioco proprio dal punto di vista dell’attrattiva per nuovi acquirenti della console Ninitendo, visto quanto la casa nipponica ci sta scommettendo.

Partiamo dalle doverose premesse sul brand. Il primo Bayonetta, sviluppato da Platinum Games, uscì su PS3 e 360 nel 2010, proponendosi come un action puro, un hack n’slash frenetico e super stiloso alla Devil May Cry. Nonostante non fosse esente da problemi tecnici, soprattutto su PS3, il gioco mantenne le promesse e fu accolto con giudizi per lo più positivi dalla critica, ma non dal mercato.

Le vendite infatti furono relativamente scarse, relegando il gioco a titolo di nicchia per appassionati del genere. Proprio da queste vendite modeste prende vita l’esclusiva Nintendo. Platinum Games, alla ricerca di un publisher disposto a finanziare il seguito del titolo, trovò in Nintendo la sola compagnia disposta a sborsare il grano, pretendendo però l’esclusiva per la propria nascente console, il Wii U. Bayonetta 2 fu infatti annunciato al lancio della nuova console e poi, come sappiamo tutti rimandato più e più volte, fino alla fine di quest’anno.

Ora che il gioco è disponibile su tutti i mercati principali, vediamo di capire se la strategia Nintendo funzionerà.

Com’è andata finora oltreoceano? Malissimo!

Bayonetta 2 non se lo fila nessuno! Stiamo parlando di poco più di circa 40 mila copie in un mese! Disastro? Non necessariamente. Del gioco infatti sono state distribuite veramente poche copie (secondo la stampa specializzata) e l’interesse nipponico per i titoli Platinum Games è notoriamente scarso.

Come andrà in occidente? Chi può dirlo. Le prevendite della limited edition sono andate esaurite in breve tempo, l’interesse generale per il genere è di base più elevato che in Giappone, le prime recensioni sono sfolgoranti (anche 10/10) e parlano di un titolo divertentissimo, di un gameplay raffinato e quasi perfetto, di ina realizzazione tecnica nettamente migliore al titolo precedente. Insomma una goduria pazzesca!

Detto questo, riuscirà Bayonetta 2 a far vendere più console e far riavvicinare gli “ardcor gheimer” a Nintendo?

Riuscirà la strega maiala a far vendere più console?

Bayonetta è un brand di nicchia o saprà incuriosire le masse?

A voi la parola!