Hail to the king, baby!

Pes è tornato!

Dopo anni di dominio della serie Fifa, il calcio di Konami si è dato una svegliata, ed era anche ora!

Non sono uno di quelli che vive col disco del gioco di calcio saldato dentro il lettore della propria console, ma ammetto che per lunghi anni, anche per me, “partita con gli amici” era sinonimo di Pes.

Dopo gli splendori dei titoli per Ps2 però, Konami non è più riuscita a produrre seguiti degni del prestigio della serie. Fifa di EA invece si è costantemente evoluto, abbandonando quella terribile superficialità che lo affliggeva, migliorando il realismo, la grafica (soprattutto) e l’intelligenza artificiale di compagni ed avversari, spodestando Pes come miglior simulazione calcistica sul mercato.

Anche se, personalmente, non ho mai percepito un grande realismo in Fifa e non mi sia mai riuscito ad appassionare al brand, non potevo chiudere gli occhi di fronte alla pochezza dei vari Pes usciti sulla precedente generazione. Meccaniche di gioco vecchie, movimenti dei giocatori ancora troppo su binari, velocità di gioco surreale, problemi grafici, bug, gioco online praticamente inesistente… Insomma, delle belle schifezze!

PES-2015-PS4

Quest’anno Konami ha deciso di provare a porre rimedio ai propri errori, concedendosi più tempo per lo sviluppo del gioco e facendo uscire Pes oltre un mese dopo il rivale di EA. Mossa saggia o follia? Non saprei dirlo, probabilmente chi ha già acquistato Fifa 15 non comprerà anche Pes, i fan della serie lo avranno aspettato comunque, ma gli indecisi avranno avuto la pazienza di aspettare per poter comparare entrambi i titoli?

Strategie commerciali a parte, vediamo di capire se, quest’anno, abbiamo a disposizione un Pes degno di essere giocato.

Come forse avrete capito dal titolo, la risposta è sì! Sì, cazzo!!!

Partiamo dalla grafica. In una simulazione di calcio è una componente davvero importante, per rendere al massimo la sensazione di una vera partita. Peso 2015 può vantare modelli dei giocatori dettagliatissimi e molto molto somiglianti alle controparti reali, non solo per i giocatori più famosi. La somiglianza non si limita ai tratti somatici, molta cura è stata posta nella realizzazione dei movimenti, degli stili di corsa e di tiro caratteristici. La sensazione di realismo è davvero impressionante!

pes-2015-6

Anche la fisicità dei giocatori incide profondamente anche sui movimenti in campo e sulla fisica dei contrasti. Molto buona è anche la resa dei movimenti della palla e dei tessuti delle divise, tra l’altro particolareggiati fin nella trama delle stoffe!

I movimenti della squadra nello sviluppo delle azioni di gioco sono finalmente credibili e non più su binari. I nostri compagni cercheranno di liberarsi dalle marcature, creare sovrapposizioni e inserimenti per accompagnare le giocate, il tutto in maniera molto naturale e sensata. La giocabilità ne guadagna parecchio, la sensazione di vedere una partita vera è concreta e costante.

PES-2015

Non mi soffermo molto a parlare delle nuove modalità di gioco e del comparto online perché non li ho ancora provati, ma vi basti sapere che la Master League c’è ancora… Cos’altro serve???

Alcuni dei difetti storici della saga rimangono, come la mancanza di parecchie licenze ufficiali e gli stadi reali sono veramente pochi. Ma com’è sempre stato per la serie, quando il gioco è profondo e soddisfacente, ci accontentiamo anche di giocare con Radolno e Tatti!!!!

Lasciate pure Fifa sugli scaffali quest’anno (tra l’altro abbastanza deludente), IL RE È TORNATO!

Pronti a bruciare le vostre console a colpi di gol???? Fan di Fifa, vorreste picchiarmi? Dite la vostra!