Il fantasma del Natale passato…

Siamo alla vigilia di Natale, fervono i preparativi per le feste in famiglia e il recupero degli ultimi regali.

Non poteva mancare nemmeno qui il tradizionale articolo pippone natalizio! Quindi non rompete e continuate a leggere i vaneggiamenti di questo povero vecchio!

988bf746ee_2403625_med

Le mie riflessioni natalizie da videogiocatore mi riportano alla fanciullezza, agli anni in cui sotto l’albero c’era SICURAMENTE un titolone nuovo fiammante, pronto a far surriscaldare la mia povera console nei giorni di festa.

Tra i giochi ricevuti (o comprati, in età adulta) per Natale ricordo Donkey Kong Country 2, Killer Instinct, Tekken 2, Gran Turismo, Final Fantasy VIII, Onimusha, Metal Gear Solid 3, Uncharted, Batman Arkham Asylum… Giochi epici!

Titoli che, appena scartati, mi trascinavano in un universo parallelo fino alla fine delle festività, senza sosta, senza respiro. Perchè diciamocelo, non c’è nulla di più bello di avere giornate intere libere per gustare appieno i propri giochi preferiti! Si fottano i parenti!

video_game_controller_ornaments_tree

Quest’anno il piatto piange un po’… Si, d’accordo, ho Far Cry 4 e Watch Dogs appena iniziati, Destiny da approfondire, Bayonetta 2 da spolpare ma… Sento che manca qualcosa…

Tutti i giochi “natalizi” mi hanno sempre dato grande soddisfazione. Le sessioni sfrenate di gioco, nei giorni di festa, hanno avuto per protagonisti dei titoli veramente coinvolgenti ed appassionanti, vuoi per la trama, vuoi per l’innovazione di base, vuoi per qualità tecniche mai viste fino a quel momento.

Gran Turismo ha cambiato per sempre il mio modo di concepire il gioco di guida, Killer Instinct era l’apoteosi della bellezza grafica su Snes, Final Fantasy, Metal Gear Solid e gli altri, mi coinvolgevano con trame ricche e narrazioni superbe.

Insomma, il gioco sotto l’albero, da sempre, è stato per me un titolo potente, una pietra miliare.

family-friendly-video-games

Quest’anno non ho nulla di tutto ciò nella mia libreria. Ho giochi belli, d’accordo, ma abbastanza nella media (o meno) come qualità complessiva. Nulla che mi faccia gridare al miracolo, che mi faccia saltare la terza porzione di bollito misto per andare a giocare…

Probabilmente giocherò un po’con tutti i sopra citati, mi divertirò anche, ma mi resterà sempre un pizzico d’amaro in bocca, ripensando alle enormi gioie videoludiche dei Natali passati.

Voi cosa giocherete durante queste feste? C’è un titolo che vi farà staccare dal pad solo dopo la Befana?

Raccontatemi la vostra nei commenti e…

BUON NATALE, STRONZI!